Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookiepolicy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

SOCIAL

Contatti

SCRIVETE UNA MAIL A:

I NOSTRI RECAPITI TELEFONICI:

  • La Tana dell'Orso:

010 3994292

339 6094023

  • Bomboniere:

347 4474217

La Band degli Orsi è un’associazione di volontariato con la qualifica di ONLUS ed è iscritta presso il registro delle organizzazioni di volontariato della Regione Liguria. Lo Statuto della Band degli Orsi è stato approvato nella sua versione attuale dall’Assemblea straordinaria del 20 Giugno 2012 ed è lo strumento che esprime:

- le finalità e le attività dell’Associazione, rivolte a migliorare l’accoglienza e la permanenza in reparto dei bambini degenti presso l’Istituto Giannina Gaslini e delle relative famiglie;
- i criteri di ammissione e di esclusione dei volontari, nonché i loro diritti e doveri;
- l’adesione dell’Associazione ai principi sanciti dalla Carta dei Valori del Volontariato e l’individuazione della formazione come uno strumento fondamentale per favorire la crescita e l’arricchimento dei volontari;
- il funzionamento degli organi associativi, ispirato al criterio della democraticità e della gratuità ed elettività delle cariche;
- le modalità di approvazione del bilancio.

STATUTO “LA BAND DEGLI ORSI”

 

TITOLO I

Denominazione - sede - scopo - patrimonio - durata - anno sociale - regolamento

 

Art. 1

Denominazione

L'Associazione, senza scopo di lucro e con fini di solidarietà sociale, già Gaslini Band Band dal 3 febbraio 2000 al 27 Giugno 2012, è denominata “La Band degli Orsi” ai sensi della legge 266/91. L'Associazione può utilizzare, la denominazione abbreviata “BdO”.

 

Art. 2

Sede legale 

La Band degli Orsi ha sede presso la struttura "La tana dell'Orso", via Redipuglia 125 rosso, 16147 Genova.

La sua sede può essere trasferita in qualsiasi altro luogo per effetto di una decisione del Consiglio Direttivo. Tale decisione diviene operativa dopo la ratifica dell’Assemblea Ordinaria.

La Band degli Orsi potrà istituire sedi secondarie in Italia ed all’estero.

 

Art. 3

Scopo

L’Associazione ha finalità di solidarietà sociale, non ha scopo di lucro, è totalmente apolitica, apartitica, senza carattere confessionale e ha struttura democratica.

L’Associazione si avvale in maniera determinante e prevalente dell’apporto volontario dei propri aderenti.

L’Associazione aderisce ai principi espressi nella Carta dei Valori del Volontariato ed individua la formazione come uno strumento fondamentale per favorire la crescita e l’arricchimento dei propri volontari.

L'Associazione si propone le seguenti finalità:

  1. 1.migliorare l'accoglienza e la permanenza in reparto dei degenti presso l'Istituto Giannina Gaslini ed altri ospedali pediatrici;
  2. 2.migliorare l’accoglienza diurna e notturna dei genitori e dei parenti dei degenti ricoverati al Gaslini o presso altre strutture ospedaliere;

L’Associazione, per il raggiungimento dei propri scopi, può promuovere attività culturali, di formazione, editoriali, di sensibilizzazione e qualsiasi altra attività interna od esterna all’istituto inerente le finalità statutarie anche avvalendosi della collaborazione dell’Istituto in cui opera, di scuole, università, pubblica amministrazione, aziende od altre associazioni.

 

Art. 4

Patrimonio

Il patrimonio dell'Associazione è costituito dai beni di proprietà e dalle entrate previste dall’art. 5 della legge 266/91 e successive modificazioni.

Le entrate dell'Associazione sono costituite:

a) dalle quote associative e dalle contribuzioni degli associati;

b) da proventi derivanti da eventuali attività dell'Associazione;

c) da ogni altra entrata che concorra ad incrementare l'attivo sociale.

L’Associazione non può distribuire, anche in modo indiretto, utili e avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'organizzazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre ONLUS che per legge,

statuto o regolamento fanno parte della medesima ed unitaria struttura;

E’ inoltre previsto l'obbligo di impiegare  gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle

attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

 

Art. 5

Durata

La durata dell'Associazione è stabilita a tempo indeterminato.

 

Art. 6

Anno Sociale

L'anno sociale ha inizio il primo gennaio e termina il trentun dicembre.

 

 

Art. 7

 

Regolamento

 

Le attività che saranno svolte dall’associazione saranno disciplinate da un regolamento interno predisposto dal consiglio direttivo e sottoposto all’approvazione dell’assemblea.

 

 

 

 

TITOLO II

Soci – Sostenitori – Ambasciatori - procedura di ammissione - quota associativa - libri sociali - decadenza - espulsione

 

Art. 8

Soci ordinari

Sono soci ordinari dell’Associazione i volontari che prestano la loro opera in modo personale, spontaneo e gratuito a favore dell’Associazione, portandone avanti le attività e perseguendone le finalità solidaristiche.

La loro ammissione all’Associazione è deliberata dal Consiglio direttivo a seguito di richiesta scritta e previa partecipazione a specifico percorso formativo definito dallo stesso Consiglio direttivo.

I volontari hanno l’obbligo di rispettare le norme del presente Statuto, del Regolamento e di osservare le decisioni assunte dagli organi deliberanti nonché di versare le quote associative.

I soci ordinari, che hanno raggiunto la maggiore età, partecipano alle Assemblee con pieno diritto di voto.

 

Art. 9

Sostenitori

Sono sostenitori dell’Associazione le persone fisiche e giuridiche, gli enti pubblici e privati, le organizzazioni e le associazioni interessate agli scopi che l’Associazione si prefigge.

La qualità di sostenitore si acquista, su domanda dell’aspirante o su richiesta di almeno tre soci che ne diano garanzia, con ratifica del Consiglio Direttivo. Possono inoltre essere ammessi come sostenitori coloro che conferiscono all’Associazione un contributo professionale a titolo gratuito o un contributo finanziario nella misura e per il periodo fissati dal Regolamento di esecuzione del presente Statuto.

I sostenitori possono partecipare alle riunioni dell’Assemblea, esprimere pareri, dare suggerimenti, formulare proposte ma non hanno diritto di voto.

 

Art. 10

Ambasciatori

La qualità di ambasciatore si acquista con deliberazione dell’Assemblea ordinaria, su proposta di almeno due soci.

Può acquistare la qualità di ambasciatore chi ha dimostrato particolare interesse, impegno e sensibilità nei confronti degli scopi associativi o maturato benemerenze per atti compiuti a favore dell’Associazione o della collettività in generale nel campo dell'accoglienza ospedaliera, della ricerca scientifica e delle scienze umane, o in ogni altro campo ritenuto meritevole dall'Associazione.

L’Ambasciatore non ha diritto di voto; può peraltro partecipare all’Assemblea come uditore e può esprimere pareri, dare suggerimenti, formulare proposte.

 

Art. 11

Quota Associativa 

Le quote associative dovute per ciascun anno dai soci ordinari sono determinate dall’Assemblea ordinaria. 

 

Art. 12

Libri sociali

La qualifica di socio ordinario, è documentata in apposite sezioni del libro soci delle sedi locali. Le qualifiche di sostenitore e ambasciatore verranno annotate in apposite sezioni di un libro separato.

 

 

Art. 13

Decadenza

La qualità di socio viene meno in seguito a:

  1. a)dimissioni volontarie da comunicare per iscritto al Consiglio Direttivo;
  2. b)morte o perdita della capacità di agire;
  3. c)esclusione.

 

Art. 14

Esclusione

Può essere deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti dei soci che non osservino le disposizioni del presente Statuto, del Regolamento e le decisioni assunte dagli organi deliberanti, che danneggino moralmente o materialmente l’Associazione, che non abbiano versato la quota associativa entro i termini stabiliti dal Consiglio Direttivo,  oppure che abbiano cessato di prestare la loro opera all’interno dell’Associazione.

I soci esclusi possono ricorrere al Collegio dei Probiviri entro un mese dalla comunicazione della deliberazione di esclusione.

 

 

TITOLO III

Organi – Funzionamento - Rappresentanza

 

Art. 15

Organi

Sono Organi dell'Associazione:

-  l'Assemblea dei Soci

-  il Consiglio Direttivo

-  il Presidente

-  il Collegio dei Revisori dei conti

-  il Collegio dei Probiviri

Le cariche sociali sono gratuite salvo il rimborso delle spese vive incontrate dai componenti degli Organi sociali e dai volontari nell'espletamento dei loro incarichi, nei limiti fissati dal Consiglio Direttivo.

 

 

 

Art. 16

Assemblea dei soci

L'Assemblea è costituita da tutti i Soci e si riunisce su convocazione del Presidente almeno una volta all'anno in via ordinaria.

Il Presidente, inoltre, convoca l'Assemblea quando lo ritenga opportuno, quando risulti necessario in base alle norme del presente statuto, o ne sia fatta richiesta dal Presidente del Collegio dei Revisori, da almeno un terzo dei soci o un terzo dei componenti del Consiglio Direttivo.

La convocazione deve avvenire tramite comunicazione scritta e/o per posta elettronica da inviare  a tutti i soci  almeno 10 (dieci) giorni prima della data dell’Assemblea.

Spetta all'Assemblea deliberare sulle seguenti materie:

a) approvare il rendiconto preventivo e consuntivo;

b) stabilire le quote sociali;

c) nominare i componenti del Consiglio Direttivo, del Collegio dei Revisori dei conti e del Collegio dei Probiviri;

d) deliberare sulle modifiche dello statuto e sullo scioglimento dell'Associazione in sede straordinaria;

e) deliberare sugli indirizzi generali dell’Associazione.

 

Art. 17

Funzionamento dell'Assemblea 

In prima convocazione l'Assemblea ordinaria e straordinaria sono regolarmente costituite con la presenza della metà più uno dei soci, presenti in proprio o per delega.

In seconda convocazione l’Assemblea ordinaria è regolarmente costituita qualunque sia il numero dei soci presenti in proprio o per delega.

In seconda convocazione l’Assemblea straordinaria è regolarmente costituita con la presenza di almeno la metà dei soci presenti in proprio o per delega.

Le deliberazioni dell'Assemblea ordinaria sono adottate a maggioranza semplice dei presenti (in proprio o per delega) in regola con il pagamento delle quote sociali (soci).

Le deliberazioni dell'Assemblea straordinaria sono adottate a maggioranza qualificata dei due terzi dei presenti (in proprio o per delega) in regola con il pagamento delle quote sociali (soci).

Le deliberazioni dell’Assemblea straordinaria di cui al punto d) dell’articolo precedente sono adottate con il voto favorevole dei due terzi dei presenti (in proprio o per delega) in regola con il pagamento delle quote sociali.

È consentita l’espressione del voto da parte degli associati mediante delega scritta da conferire ad altri associati. Al fine di rispettare i requisiti della democraticità e dell’effettività del rapporto associativo ogni socio può ricevere una sola delega. 

 

Art. 18 

Composizione e funzioni del Consiglio Direttivo

Il Consiglio Direttivo svolge tutte le attività utili per il raggiungimento degli scopi dell’Associazione, in conformità alle decisioni prese dall’Assemblea.

Il Consiglio Direttivo è composto dai soci ordinari eletti dall’Assemblea in numero ed in base ai criteri stabiliti dal Regolamento.

Membri del Consiglio Direttivo sono:

- il Presidente;

- il Vice-Presidente

- l’Amministratore;

- altre cariche stabilite dal Regolamento.

Il Consiglio direttivo resta in carica per due anni e i suoi componenti sono rieleggibili.

Se vengono a mancare uno o più membri del Consiglio direttivo, l’Assemblea può provvedere alla loro sostituzione nei modi e termini stabiliti dal regolamento.

Se viene a mancare contestualmente la maggioranza dei componenti, viene tempestivamente convocata l’Assemblea per il rinnovo del Consiglio direttivo.

Il Consiglio direttivo si riunisce, su convocazione del Presidente, almeno 4 volte all'anno e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei componenti.

Le riunioni di Consiglio Direttivo sono regolarmente costituite con la presenza della metà più uno dei membri. Non è ammessa facoltà di delega.

Il Consiglio direttivo ha i seguenti compiti:

a) eleggere il Presidente, il Vice Presidente e l’Amministratore tra i propri membri;

b) accogliere o rigettare le domande degli aspiranti soci, il diniego è insindacabile. Il Consiglio direttivo dà comunicazione dei provvedimenti di accoglimento o di diniego all’Assemblea nella prima seduta successiva;

c) decidere sull’esclusione dei soci, dandone comunicazione all’Assemblea nella prima seduta successiva;

d) ratificare, nella prima seduta successiva, i provvedimenti di propria competenza adottati dal Presidente per motivi di necessità e urgenza;

e) sottoporre all'approvazione dell'Assemblea il rendiconto preventivo e quello consuntivo;

f) definire i programmi e le attività dell’Associazione sulla base delle norme del presente Statuto, del Regolamento e degli indirizzi generali deliberati dall’Assemblea;

g) programmare e definire i percorsi formativi rivolti ai soci e agli aspiranti soci.

Il Consiglio è inoltre investito di tutti i poteri per lo svolgimento dell'attività sociale e per il raggiungimento degli scopi associativi, eccetto le materie riservate alla decisione dell'Assemblea.

 

Art. 19 

Funzionamento del Consiglio direttivo

Le deliberazioni del Consiglio direttivo sono adottate a maggioranza dei presenti con la presenza di almeno la metà dei componenti.

Il Consiglio può delegare determinati compiti, anche in via continuativa, al Presidente e può attribuire specifiche funzioni ad uno o più dei suoi membri e ad altri soci o a persone esterne che possono partecipare alle sue sedute senza diritto di voto.

 

Art. 20 

Presidente 

Il Presidente è eletto dal Consiglio Direttivo ed ha la responsabilità dell’operato dello stesso.

Il Presidente, che è anche Presidente dell'Assemblea dei soci e del Consiglio direttivo, è eletto da quest'ultimo secondo quanto disposto dal precedente articolo 18.

Il Presidente, o in sua assenza o impedimento, il Vice Presidente, ha i seguenti compiti:

a) convocare e presiedere le riunioni dell'Assemblea e del Consiglio direttivo,

b) vigilare sull'attuazione delle deliberazioni dell'Assemblea e del Consiglio direttivo,

c) adottare gli atti di urgenza da sottoporre alla ratifica del Consiglio.

Il Presidente e il Vice Presidente durano in carica fino alla scadenza o decadenza del Consiglio direttivo.

 

Art. 21

Legale rappresentanza

La rappresentanza legale dell'Associazione in giudizio spetta al Presidente o in caso di legittimo impedimento al Vice Presidente.

La rappresentanza legale nei confronti dei terzi ed il potere di firma, spettano disgiuntamente al Presidente nonché a coloro che hanno eventualmente ricevuto dal Consiglio direttivo specifici incarichi limitatamente ai compiti attribuiti.

 

Art. 22 

L’Amministratore

L’Amministratore è responsabile della corretta gestione dei fondi e della gestione amministrativa e finanziaria dell’Associazione; cura inoltre la redazione del bilancio annuale dell’Associazione.

Ogni anno, entro centoventi giorni dal termine dell’esercizio, deve redigere il rendiconto preventivo e quello consuntivo da sottoporre all'Assemblea. Il rendiconto consuntivo deve riportare i beni, i contributi e i lasciti ricevuti, nonché tutte le spese effettuate nel rispetto delle finalità dell’associazione.

 

                                                                       

 

 

Art. 23 

Collegio dei Revisori dei conti

Il Collegio dei Revisori è composto da tre membri effettivi eletti, anche tra i non soci, con le maggioranze previste per l’Assemblea ordinaria; i membri effettivi eleggono al loro interno il Presidente del Collegio.

I membri rimangono in carica due anni e sono rieleggibili. La carica di Revisore dei conti è incompatibile con qualsiasi altra carica interna.

Il Collegio dei Revisori dei conti controlla l’amministrazione dell’Associazione,  accerta la regolare tenuta delle scritture contabili, certifica la corrispondenza del rendiconto consuntivo alle risultanze dei libri e delle scritture contabili.

 

Art. 24 

Collegio dei Probiviri 

Il Collegio dei Probiviri è composto da tre membri, eletti con le maggioranze previste per l’Assemblea ordinaria ed individuati all’interno di ciascuna delle seguenti categorie:

- amministratori, dirigenti  e/o personale qualificato dell’Istituto Giannina Gaslini;

- soci dell’Associazione con almeno due anni di anzianità;

- giuristi.

I membri durano in carica due anni e sono rieleggibili.

Il Collegio regola autonomamente il proprio lavoro e nomina al proprio interno il Presidente.

La carica di Proboviro è incompatibile con qualsiasi altra carica interna.

Il Collegio dei Probiviri è organo di garanzia statutaria e di giurisdizione interna: interpreta le norme statutarie, dà pareri sulla loro corretta applicazione e vigila sul loro rispetto, dirime le controversie tra i soci, tra questi e gli organi sociali e tra questi ultimi.

Ogni socio, consigliere, revisore, può richiedere l'intervento del Collegio dei Probiviri qualora ritenga leso un suo diritto o comunque disatteso lo Statuto. La richiesta, inviata al Presidente del Collegio, deve essere scritta e precisare la questione o le questioni che si intendono sottoporre a giudizio.

Il giudizio del Collegio è insindacabile.

 

Art. 25 

Presidente Onorario 

L’Assemblea ordinaria può deliberare la nomina di un Presidente Onorario, distinto dal Presidente, senza alcun potere di rappresentanza, se non etica e ideale.

 

 

TITOLO IV

Scioglimento - Disposizioni finali

 

Art. 26 

Scioglimento dell’associazione 

L’eventuale scioglimento dell’Associazione dovrà essere deliberato dall’Assemblea straordinaria. In caso di scioglimento, l’Assemblea straordinaria provvede alla nomina di uno o più liquidatori  ed esaurita la fase di liquidazione delibera la devoluzione del patrimonio netto residuo ad altre organizzazioni di volontariato, operanti  in identico od analogo settore e che perseguano fini identici o analoghi a quelli del presente statuto.

Per quanto non previsto dal presente statuto si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislative in materia.

 

 

Art. 27

Disposizioni finali

Per quanto non contemplato dal presente Statuto, si fa riferimento per via analogica alle norme del Codice Civile e al Regolamento dell’associazione approvato dall’Assemblea.

Per ogni controversia relativa all’interpretazione ed all’esecuzione del presente statuto, è competente il Foro del luogo dove ha sede l’associazione.

Prossimi eventi

Ott
20

21:00 20/10/2017 - 18:00 22/10/2017

Ott
21

21/10/2017 20:45 - 23:00

I nostri concorsi

Sono ufficialmente aperte le iscrizioni per i nostri 2 concorsi internazionali il cui soggetto è il nostro orso.

Grazie a tutti per la partecipazione e confidiamo molto nella vostra fantasia.